domenica 19 novembre 2017
TRANISPOSI ® - LA GUIDA AL MATRIMONIO A TRANI VISITA TRANI
IL TUO MATRIMONIO A TRANI
HOME PAGE
MAPPA SITO
CONTATTI
MAILING LIST
I DOCUMENTI
DIRITTO MATRIMONIALE
SPOSARSI IN CHIESA
SPOSARSI IN MUNICIPIO
SECONDO MATRIMONIO
IL GALATEO E I RUOLI
INFO E CURIOSITA'
CALENDARIO
INVITI E PARTECIPAZIONI
ABITO PER LA SPOSA
ABITO PER LO SPOSO
ABITO PER GLI INVITATI
ACCONCIATURA
IL TRUCCO E L'ESTETICA
BOUQUET E FIORI
LE FEDI E I GIOIELLI
LISTA NOZZE
IL RICEVIMENTO
LE BOMBONIERE
I CONFETTI
FOTO E FILMINO
L'AUTO
CASA E ARREDAMENTO
VIAGGIO DI NOZZE
IL CHEK UP
ADDIO CELIBATO
SPOSARSI A TRANI
LE BELLEZZE DI TRANI
LA STORIA DELLA CITTA'
VETRINE SPOSI A TRANI
ALTRI ARGOMENTI¬
ALTRE RISORSE UTILI¬
LA GUIDA AL MATRIMONIO

LE INFORMAZIONI UTILI, DIVISE IN CATEGORIE TEMATICHE, PER UN MATRIMONIO PERFETTO


PAESE CHE VAI, USANZA CHE TROVI
TRADIZIONI NEL MONDO

Descriviamo qui le tradizioni dei matrimoni nel mondo.
La cerimonia secondo il rito ORTODOSSO è divisa in due parti, FIDANZAMENTO ed INCORONAZIONE.
Il tutto sembra una rappresentazione teatrale, ogni gesto viene ripetuto per tre volte.
Ifuturi sposi sono benedetti per tre volte dal sacerdote all'ingresso della chiesa, e dopo aver consegnato loro dei ceri accesi li accompagna all'altare porgendo loro gli anelli,d'oro per lui argento per lei.
Dopo aver disegnato tre croci sulla fronte di ognuno gli anelli vengono scambiati per tre volte tra i due sposi.
L'incoronazione si svolge accanto alla TETRAPODION piccolo altarino sul quale sono poggiati una coppa di vino e due corone che saranno posate sulle teste degli sposi.
Al termine di una danza rituale che i due novelli sposi ballano a mani legate da un fiocco, che simboleggia l'unione, attorno all'altarino il sacerdote toglie la corona prima allo sposo e poi alla sposa invitandoli a baciarsi.
Il rito ortodosso non è riconosciuto dallo stato italiano, il riconoscimento avviene solo per le nozze civili tra appartenenti a questo culto.

La cerimonia del rito MUSSULMANO raggiunge il culmine, la notte della festa nuziale,quando la donna giunge a casa dello sposo dove consumerà assieme al suo uomo latte e datteri.
Questa cerimonia è molto suggestiva; vuoi per lo sfarzo dell'abito nuziale dove il colore dominante è il rosso insieme all'abbondare di gioielli di oro massiccio ed i tatuaggi all'henne su mani e piedi, vuoi per i festeggiamenti che continuano nei giorni seguenti.
Per il diritto mussulmano il matrimonio è un vero e proprio contratto, visto che è consentito avere contemporaneamente fino a quattro mogli.
Infatti l'uomo al momento del si fissa un compenso da pagare alla famiglia di lei.
Questa somma nella maggior parte dei casi è simbolica visto che verrà versata solo in caso di divorzio.

La cerimonia del rito BUDDISTA è molto semplice,consiste nel bere sake da tre diverse tazze, tre sorsi per volta a significare il passato, il presente e futuro.

Infine il matrimonio giapponese delusioni delle delusioni è ridotto al rango di un appuntamento commerciale.
Sopratutto gli abitanti delle città preferiscono i pacchetti tutto incluso proposti dai grandi alberghi.
Su un catalogo specializzato si sceglie uno stile di matrimonio ad esempio scintoista, in mezza giornata si festeggia e dopo non rimane nulla di quello che è stato,tutto è stato affittato dalla sala per il banchetto alla camera nuziale fino all'abito tradizionale della sposa.



CURIOSITA'


La tradizione delle damigelle che seguono la sposa nel corteo in chiesa, nasce da una leggenda pervenuta a noi dall'antico Egitto.
Gli egizi credevano che gli spiriti cattivi si radunassero il giorno delle nozze nel luogo della cerimonia per rovinare l'atmosfera gioisa e festosa alla sposa.
Le amiche della sposa allora vestivano con abiti simili al suo in modo da confondere e depistare gli spiriti cattivi che non conoscendo la sposa non potevano augurarle sfortuna e nefasti.

Come pure donare alla sposa erbe odorose e fiori profumati serviva a tenere lontani gli spiriti maligni, nasce così il bouquet.

L'origine del velo non risiede nel virginal pudore della sposa che si offre allo sposo ma ha origi romane.
A quei tempi i matrimoni venivano concordati per interessi o motivi politici e i due giovani non si incontravano mai prima del giorno del matrimonio.
La donna copriva il volto fino alla fine della cerimonia per evitare ripensamenti da parte dello sposo nello scorgere il reale aspetto della compagna per la vita.

VISITE: 6758031
UTENTI CONNESSI: 45
COPYRIGHT